Tuttavia, rivendica, in aggiunta, un “confine militare navale” di 92,6 chilometri sul Mar del Giappone e di 370,4 chilometri sul Mar Giallo (quest’ultimo corrispondente alla stessa zona di sfruttamento economico esclusivo) entro il quale ogni nave o aereo straniero transitante senza permesso é passibile di venire attaccato, abbattuto o affondato. Allo stesso tempo però, il rifiuto da parte degli Alleati di portare la guerra nelle “acque del nemico” farebbe il gioco di Kim Jong-un il quale potrebbe concentrare i suoi sforzi sul fronte terrestre ed aereo senza il timore di venire aggredito “alle spalle”. 03/03/2015 - La Corea del Nord sarebbe pronta a lanciare missili balistici a medio raggio “Nodong” in risposta alle accresciute tensioni in vista dell’esercitazioni congiunte tra Corea del Sud e Stati Uniti. Non resta quindi che aspettare e vedere se, nel caso una nuova guerra di Corea dovesse scoppiare, i mari della penisola si tingeranno di rosso come fecero ai tempi delle invasioni giapponesi del 1592-98. Cadorna e il suo Stato Maggiore non vollero prendere in considerazione una lunga serie di indizi e informazioni che facevano presupporre l’avvicinarsi di una grossa offensiva e quando nel mattino del 24 ottobre 1917 l’avversario attaccò nel settore dell’Alto Isonzo tra Plezzo e Tolmino la sorpresa fu totale. A seguito del grande parlare che si fa …, Direzione e Redazione In particolare, le indagini patrimoniali hanno permesso di documentare la riconducibilità di, Roma. Proprio per far fronte all’aumento vertiginoso del numero delle, Bari. Tuttavia, nonostante queste palesi realtà, la Marina della Corea del Nord ha sempre occupato, fino ad ora, il ruolo di “cenerentola”, nell’organizzazione militare del “regno eremita”. Giulia Prosperetti, Responsabili Relazioni Esterne e Marketing Un appassionato di relazioni internazionali e studi strategici. I classe Yono, per esempio, dovrebbero essere in servizio in 10 esemplari ma sembra probabile che ne siano stati in realtà prodotti 36 (i restanti tenuti in riserva in caso di scoppio di una guerra). Conscia di non poter in alcun modo contendere ad armi pari il dominio del mare alla US Navy, la Marina nord coreana ha sperimentato le tattiche proprie della “guerra asimmetrica” con largo anticipo sia rispetto ai suoi compagni d’arme delle Forze di terra ed aeree sia a livello mondiale in generale (in un’epoca nella quale gli scontri “simmetrici” erano la norma) ottenendo, in alcuni casi, clamorosi successi (come quando nel gennaio del 1968 la nave spia americana USS “Pueblo” cadde nelle mani dei nord coreani). Le immagini raccolte in questo calendario 2021, spesso catturate in momenti di attività frenetica, raccontano non solo degli obiettivi e dei risultati raggiunti dall’Operazione ma ci restituiscono anche alcuni dei nostri migliori ricordi. Questi ultimi dovrebbero diventare il nucleo di una nuova forza di sottomarini lanciamissili balistici che aumenterebbero sensibilmente le capacità di Pyongyang di effettuare un “secondo colpo” di rappresaglia nel caso gli Stati Uniti ed i loro alleati nella regione dovessero tentare un attacco preventivo contro le installazioni militari ed industriali della Corea del Nord. Sebbene, come descritto sopra, la Marina nord coreana non possa contendere il dominio dei mari aperti alle forze navali americane e sud coreane in uno scontro classico, esse non possono nemmeno permettersi di abbassare la guardia e farsi attirare in una battaglia di tipo “litoraneo” là dove la loro superiorità tecnologica verrebbe virtualmente annullata dall’orografia e dagli spazi ristretti che ne negherebbero financo la capacità di manovra. E’ quanto titola oggi in prima pagina l’agenzia di stampa della Corea del Sud ‘Yonhap’, citando fonti militari. L’arsenale atomico e missilistico, pensato da Pyongyang con lo scopo di assicurare la sopravvivenza del regime e parallelamente per scoraggiare l’intervento straniero allorquando si tenti la riunificazione armata del Paese (come viene affermato anche dalla propaganda interna), è l’unico deterrente efficace in mano a Kim Jong-un sebbene le Forze Armate, che rappresentano il quarto esercito al mondo per consistenza con circa un milione di soldati, siano uno strumento di coercizione temibile in quanto pesantemente armate (per quanto riguarda l’Esercito) e dispiegate molto a ridosso del confine con il Sud. La Corea del Nord si affaccia su due mari – il Mar Giallo ad Ovest ed il Mar del Giappone ad Est- e possiede circa 2.495 chilometri di linee costiere. Lo stesso obiettivo – che oggi prende il nome di sea denial – che si prefigge la Corea del Nord stante la composizione della sua Marina da guerra e che risulta ben evidente se paragonata alle forze navali del suo avversario diretto, la flotta di Seul, che attualmente dispone di 12 cacciatorpediniere, 10 fregate, 21 corvette, 12 sottomarini e che presto si doterà di due nuove unità portaerei, quindi molto più rivolta al sea control. ), spesso tradotta erroneamente come Flotta Settentrionale, è la componente della Marina Militare Russa che si occupa della difesa delle acque del nord ovest della Federazione, specificatamente della zona intorno alla Penisola di Kola.Costituita nel 1933 come Flotta Militare del Nord, assunse l'attuale denominazione nel 1937. Per le ragioni sopra citate, non é facile sapere quanti sottomarini delle classi “indigene” siano stati prodotti e siano effettivamente in uso presso la marina nord coreana. Non sono state diramati altri dettagli. Delle tre corvette classe Sariwan, costruite in loco nel 1965 ma basate sul cacciamine sovietico classe Tral, ne sono rimaste attive due. Infine, la Marina nord coreana è stata attiva persino nelle acque giapponesi, dove nel 2001 si svolse la battaglia di Amami-Oshima nel corso della quale un trawler armato nord coreano fu affondato da quattro pattugliatori della Guardia Costiera giapponese, dopo un scontro della durata di sei ore nel corso del quale entrambe le parti si scambiarono più di un migliaio di colpi di mitragliatrice. Recentemente la Corea del Nord ed il suo leader Kim Jong-un sono tornati al centro delle cronache internazionali: il lancio di due missili a corto raggio (Srbm) e la rivelazione del termine dei lavori su un nuovo – ed unico – sottomarino lanciamissili balistici ci ricordano che la questione coreana è ancora lungi dall’essere risolta sebbene l’escalation militare sembri congelata. Parata militare in Corea del Nord al tempo del coronavirus. Recentemente la Corea del Nord ed il suo leader Kim Jong-un sono tornati al centro delle cronache internazionali: il lancio di due missili a corto raggio (Srbm) e la rivelazione del termine dei lavori su un nuovo – ed unico – sottomarino lanciamissili balistici ci ricordano che la questione coreana è ancora lungi dall’essere risolta sebbene l’escalation militare sembri congelata. Secondo; dati i massicci investimenti profusi dalla Corea del Nord nel tentativo di dotarsi di una struttura cantieristica autonoma, gran parte delle navi da guerra nord coreane sono infatti prodotte in patria e questo fa sì che non sia sempre agevole per gli osservatori internazionali capire quante e quali navi siano state prodotte. Dato che il teatro operativo ipotizzato é sempre stato quello delle acque fluviali e marine attorno all’omonima Penisola, la Marina nord coreana è sia una “green water navy” che una “brown water navy”, adatta quindi ad operare nelle acque interne ed in quelle territoriali, in particolare nell’infimo contesto litoraneo dove anche flotte sulla carta potenti possono essere messe in difficoltà da avversari piccoli ma determinati ed avvezzi ad operare in spazi “ristretti”. Roma. Ancora più piccoli dei precedenti (22 metri per 130 tonnellate) vengono impiegati anche per operazioni speciali potendo accogliere sino a 7 incursori. Based in the Santa Rosa military district of Rome the command is headed by the Commander in Chief Naval Fleet (Comando in Capo della Squadra Navale or CINCNAV) with the rank of Vice admiral, who reports directly to the Chief of the Navy. ... sono anche i 70 sottomarini che fanno parte della marina di Kim Jung-un. Mi sembra non esista una discussione ufficiale sulla Marina Militare della Corea del Sud, mi permetto di apriral visto che qualche giorno fa è uscita una notizia interessante. Il Servizio militare coreano (대한민국의 병역 제도) è stato proclamato obbligatorio in maniera ufficiale nel 1957, e vede le sue basi nella Costituzione della Repubblica di Corea (대한민국 헌법). Tra questi meritano particolare attenzione le nuove fregate leggere portaelicotteri della classe “Nampo” (che incrementerebbero notevolmente le capacità di lotta anti-sottomarina lungo le coste), le nuove motomissilistiche classe “Nongo” (sviluppate su tre versioni, due convenzionali ed una “stealth”, e costruite appositamente per fungere da vettori di lancio delle copie nord coreane dei temibili missili da crociera russi Kh-35) ed i sottomarini classe Sinpo (anche noti come classe “Gorae” o “Pongdae”). Ricercatore: Paolo Magri Quanto abbiamo fin qui visto permette di stabilire la missione primaria della Marina della Corea del Nord. Il coronavirus non ferma Kim Jong-un, in prima fila nel consueto evento per commemorare l’anniversario della fondazione del Partito dei lavoratori. Non sono stati riconosciuti grossi lavori di costruzione, tuttavia un successivo passaggio del satellite nel 2007 potrebbe far sospettare che la Corea del Nord intenda dotarsi di una unità portaelicotteri che potrebbe avere la configurazione di catamarano. Ha estat durant la desfilada que commemora els 105 anys del naixement de Kim Il-sung, el fundador de la dinastia que governa el país. Secondariamente, sono tra i più pescosi al mondo e le risorse ittiche da essi estratte ogni anno (in particolare i gamberi) occupano una parte fondamentale sia della dieta che delle esportazioni di un Paese perennemente affamato di cibo e di valuta pregiata. 7 Settembre 2019. La Corea del Nord sta costruendo una nuova struttura militare, a 2,25 km da Sinpo, vicino la base di Mayang-do, comando dei sottomarini balistici di Pyongyang, nel sud del Hamgyong. Marano di Napoli. Recentemente, il sottosegretario governativo alla Salute …, Di William Nonnis* Roma. Nonostante l’età media molto avanzata dei vascelli, la consistenza numerica e la loro dottrina di impiego ne fanno un’arma temibile in mano alla Corea del Nord. In attesa del lancio del missile balistico intercontinentale della Corea del Nord programmato per la mètà del mese di aprile GPC vi offre un rapido excursus sulle potenzialità belliche del regime di Pyongyang, una nazione affamata, nel senso letterale della parola, ma in possesso di una capacità bellica degna di grande considerazione capacità militare. La Marina militare americana potrebbe poi pattugliare in modo più intenso le acque che bagnano la Corea del Nord al fine di impedire l'arrivo nei suoi porti delle navi che potrebbero trasportare beni pensati per aiutare il regime. https://www.ispionline.it/it/rassegnastampa/Magri_Corriere_7_14-09-2017.pdf. Nel 2003 una ricognizione satellitare ha scoperto quello che sembra essere uno scafo di una fregata ex sovietica classe Krivak. Questa unità è stata battezzata come fregata sperimentale classe Soho. Dando ancora una volta prova di possedere un carattere deciso e volitivo, Kim Jong-un ha iniziato a presenziare a tutte le manovre militari della sua Marina e ha deliberato stanziamenti straordinari di fondi che hanno permesso non solo di incrementare addestramento degli equipaggi e manutenzione delle unità ma anche l’inizio di una stagione di acquisizioni di nuovi sistemi d’arma. Se la Storia è anche una trasmissione di simbologie, …, Di Pierpaolo Piras* Roma. Sebbene alcune fonti speculino che 1 o 2 siano stati persi in incidenti operativi, dovrebbero esserne ancora disponibili tra i 20 e i 30. Si ritiene che ad oggi la Marina disponga di 146mila uomini divisi tra due comandi: uno per la costa orientale con quartier generale a Toejo Dong, ed uno per la costa occidentale con quartier generale a Nampo. Fins ara, el 15 d’abril havia estat una data en … Attualmente, oltre al già citato sottomarino lanciamissili balistici (SSB) classe Sinpo-B (o Gorae), la Marina di Kim ha in dotazione 40 unità della classe Sang-O, delle unità da attacco di piccole dimensioni (34 metri per 370 tonnellate di stazza in immersione) che costituiscono la spina dorsale della flotta. È probabile che presto l’Ufficio 121 sarà sostituito da un Ufficio per la Guida della Cyberwarfare. Lunghe 100 metri per circa 1200 tonnellate di stazza in condizioni standard sono state costruite all’inizio degli anni ’70 e durante il corso dei decenni hanno visto alcune modernizzazioni: nel 1980 hanno ricevuto i missili antinave SS-N-2A Styx e si ritiene che una abbia subito dei grossi lavori di rimodernamento nel 2014 che hanno visto l’installazione di nuovi radar e sistemi elettronici insieme a due cannoni automatici in torretta da 30 milllimetri e due lanciatori per missili Kh-35 al posto dei vecchi Styx. Tale analisi della situazione generale ci permette anche di capire perché la Marina Militare della Corea del Nord non venga annoverata tra le maggiori del mondo – nonostante l’enorme consistenza complessiva delle sue Forze Armate – ma non per questo risulti essere meno minacciosa nel quadro di un conflitto regionale. ROMA – Parata militare in Corea del Nord. I Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale (TPC), coordinati dal Procuratore della Repubblica di Vercelli, hanno recuperato il quadrante e tutti gli altri pezzi dell’orologio a pendolo realizzato a metà dell’800 dall’artista Mariano Trevellini su commissione del Papato di Pio IX per il Palazzo del Quirinale. La scelta dell’“hackeraggio di Stato” da parte della Corea del Nord è in linea con la sua strategia asimmetrica sintetizzata dallo slogan “guerra rapida, fine veloce”. Anche la Corea del Sud non sfuggì alle attenzioni della Marina nord coreana che non ha mancato di portare avanti un lunga serie di provocazioni nelle acque prospicienti al suo vicino meridionale. E’ quanto riporta l’agenzia di stampa Yonhap. All structured data from the file and property namespaces is available under the Creative Commons CC0 License; all unstructured text is available under the Creative Commons Attribution-ShareAlike License; additional terms may apply. In ogni caso, al netto dell’utilizzo delle mine navali, l’impatto della Marina nord coreana sullo svolgimento del conflitto fu pressoché nullo e ciò non passò inosservato né agli strateghi di Pyongyang né a quelli di Mosca e Pechino quando, all’indomani del conflitto, si rese necessaria una robusta ricostruzione del potere navale nord coreano. Nel distretto orientale sono distribuiti 7 comandi oltre quello di Toejo Dong in altrettante basi navali che raccolgono 10 flottiglie (circa 470 vascelli), mentre nel distretto occidentale ci sono altre 4 comandi/basi navali (esclusa Nampo) che raccolgono 6 flottiglie (circa 300 vascelli). La parte numericamente più consistente è data dalla componente subacquea che ha in forza una settantina di sottomarini tra unità da attacco, costiere e per compiti speciali. Tre persone sono state, Di Mario Pietrangeli* Roma. Durante la demo è stato mostrato come il sonar a immersione Firefly, AQS-18 di L3Harris Technologies, lavorando assieme al processore ULISSES, ha individuato automaticamente sottomarini nemici simulati e allertato gli equipaggi della loro presenza. Nell’ambito del processo di miglioramento dell’efficienza dei sistemi di Comando e Controllo, personale specialistico dell’Esercito e tecnici dell’Industria della Difesa hanno svolto, nella sede dell’82° Reggimento Fanteria “Torino”, una sperimentazione del sistema, in corso di realizzazione, denominato C2D/N EVO, per valutare la rispondenza del prototipo a tutti i requisiti attesi. La Marina della Repubblica di Corea è formata da 67.000 effettivi inclusi 27.000 fanti di marina. Questi ed altri eventi dovrebbero ricordarci che non é bene sottovalutare i nord coreani. 29/05/2015 - I canali ufficiale della Corea del Nord hanno pubblicato, poche ore fa, un video che mostrerebbe un test balistico di un missile lanciato da un sottomarino. Gli Imperi Centrali misero in campo 15 Divisioni riunite nella 14^ Armata al comando del Generale tedesco Von Below. Espai del subscriptor; Tancar sessió , recorda que has de verificar el teu e-mail per seguir fent servir el teu usuari de l’ARA. La Corea del Nord avrebbe lanciato poche ore fa un missile balistico da un nuovo sottomarino. Vicedirettrici 13/02/2015 - La Corea del Sud sta per dar vita ad un piano operativo globale per aumentare la capacità della propria forza sottomarina per scoraggiare le potenziali minacce della Corea del Nord e degli altri paesi limitrofi. La parata militare. Un sottomarino classe Sang-O di produzione nord coreana. Dal punto di vista generale la Marina di Pyongyang ricorda molto la Kriegsmarine tedesca nella Seconda Guerra Mondiale: la guerra ai convogli, effettuata coi sommergibili di Doenitz, con le navi corsare come l’Atlantis o con le stesse (poche) unità maggiori era l’obiettivo tattico di Berlino. I primi sottomarini nord coreani furono i già citati 4 della classe Whiskey forniti direttamente dall’Unione Sovietica, seguiti poi da un consistente numero di classe Romeo e loro copie cinesi Type 033 in parte forniti da Unione Sovietica e Cina ed in parte assemblati localmente. Oltre a cercare di ottenere la “capacità di secondo colpo” missilistico con il nuovo sottomarino Gorae – che comunque corre il rischio di restare un unicum nella flotta – il compito principale è quello di interdire il traffico navale avversario utilizzando la componente subacquea ed il naviglio sottile di superficie. In particolar modo di questioni connesse con l'intelligence. In caso di guerra, alla Marina spetta il compito vitale di impedire alle Forze navali americane e sud coreane di portare a compimento azioni di bombardamento e di sbarco lungo le coste della madrepatria. Tel. În armata nord-coreeană sunt înrolați în jur de 5.000.000 de militari. Paolo Mauri A prima vista ed in considerazione di quanto detto si potrebbe supporre che le Kpa siano una tigre di carta, ma la Corea del Nord, per mantenere la credibilità delle sue Forze Armate, oltre a puntare sul numero stesso (tra il 25 ed il 30% della popolazione è inquadrata nella riserva o in gruppi paramilitari) e su tattiche di guerra asimmetrica ed ibrida (largo uso di forze speciali e attacchi cibernetici), sfrutta anche il suo posizionamento avanzato su larga scala. Queste sono lunghe 62 metri per 475 tonnellate standard e hanno un armamento leggero costituito da un cannone da 100 millimetri, due pezzi da 37 e quattro da 14,5 millimetri. L’obiettivo da conseguire è quello di disporre, con tempistiche ridotte, di un sistema di Comando Controllo e Navigazione (C2N) idoneo a sostituire quello attualmente in uso sulle piattaforme VBM “FRECCIA”, ovvero il C2D del SICCONA (Sistema di Comando, Controllo e Navigazione) e che risulti, al tempo stesso, performante per le. Classifica Potenze Militari: Corea del Nord vs NATO La classifica delle potenze militari Quali sono le più grandi potenze militari del mondo? Il missile sarebbe stato lanciato dal mare orientale, volando per circa venti miglia. Originariamente costituita da una ventina di unità navali di modestissimo tonnellaggio e prestazioni, la Marina nord coreana svolse un ruolo fondamentale allo scoppio della Guerra di Corea nel supportare le Forze di terra nel corso degli sbarchi di Kangnung e Samcheok ma venne successivamente sbaragliata dalle Forze navali americane nelle battaglie di Chumonchin Chan e Haeju cessando completamente di esistere. Les estimacions revelen que Corea del Nord pot tenir més de 7,000 soldats de la FOE assignats a cadascuna de les costes de Corea del Sud. In questo contesto, e con la volontà di avere una forza missilistica con capacità atomica in grado di resistere ad un first strike americano – quindi cercando di ottenere la nota “capacità di secondo colpo” – si inserisce la costruzione del nuovo sottomarino lanciamissili balistici. Nella settimana dal 14 al 18 Maggio …, Bari. Ci sono circa 170 navi in servizio, (con un tonnellaggio complessivo pari a 153.000 tonnellate) nella ROK Navy, include: 20 cacciatorpediniere e fregate, 12 sottomarini, 100 corvette e …