La nazionale italiana non ha uno stadio nazionale fisso: gioca le sue partite a rotazione nei vari impianti italiani, scegliendoli di volta in volta a seconda dell'importanza della partita, dell'avversario che si incontra e dell'eventuale affluenza di pubblico. Nel corso del ventennio successivo, si sono avuti tre incroci (due dei quali amichevoli e uno valido per il Mundialito) con un bilancio di perfetta parità: una vittoria a testa e un pareggio. Per quasi quarant'anni le due squadre non si sono mai affrontate in occasioni veramente degne di nota, sicché si deve attendere il primo turno del campionato del mondo 1962 in Cile per avere la prima partita con una posta significativa in palio; in quell'occasione la sfida non fu emozionante e terminò con un tacito accordo di pareggio a reti inviolate che andava bene a entrambe poiché le altre avversarie del girone non sembravano inarrestabili, poi la Germania Occidentale fece il suo dovere, mentre l'Italia perse contro i padroni di casa nella famosa battaglia di Santiago, subendo l'eliminazione. Agli ottavi di finale del campionato d'Europa 2016 in Francia, l'Italia tornò a battere la Spagna con 2-0 a Saint-Denis che eliminò dalla competizione i campioni uscenti. [6] A seguito di alcuni sprezzanti giudizi di Silvio Berlusconi, sentendosi leso ingiustamente nella sua dignità, per protesta Zoff si dimise all'indomani della finale,[7] lasciando il posto a Giovanni Trapattoni. Le due squadre si ritrovarono di fronte in una occasione ben più importante otto anni dopo, per la semifinale del Mondiale di Messico 1970, dando vita alla cosiddetta partita del secolo che vide l'Italia qualificarsi per la finale, dopo un emozionante 4-3 in suo favore dopo i tempi supplementari. Contribuisci a migliorarla secondo le convenzioni di Wikipedia. Buffon "Lutto col Brasile? Con lui in panchina l'Italia vince due titoli mondiali, nel 1934 e 1938, le Olimpiadi di Berlino nel 1936, 1- ROBERTO MANCINI - Ct dal 2018: 22 partite, 15 vittorie, 5 pareggi, 2 sconfitte. Nel corso degli anni il tricolore sulle maglie ha cambiato varie volte forma (quadrangolare, trapezoidale, rotondo) e posizione, dal lato sinistro fino al centro, per poi tornare al lato sinistro. Peggio andò il mondiale di Corea del Sud-Giappone 2002: la squadra alla vigilia era tra le favorite, ma, dopo aver passato a fatica il primo turno esprimendo un gioco difensivista e rinunciatario, fu eliminata ancora al golden goal negli ottavi dai padroni di casa della Corea del Sud (1-2); fu il risultato peggiore dal 1986. Con lui in panchina l'Italia è vice Campione del Mondo ai Mondiali americani nel 1994 battuta ai rigori dal Brasile. Nelle qualificazioni al campionato del mondo 1998, Italia e Inghilterra furono sorteggiate nel gruppo 2 e nel febbraio 1997 gli azzurri si imposero per 1-0 a Wembley. Non a caso per lungo tempo, nel secondo dopoguerra, il torneo olimpico di calcio fu appannaggio di nazionali come la succitata sovietica , la Cecoslovacchia, la Germania Est e l'Ungheria. Con lui in panchina si ricorda la clamorosa eliminazione ai Mondiali del 1962 per mano della Corea del Nord, 3 - ARRIGO SACCHI - Ct dal 1991 al 1996: 53 partite, 34 vittorie, 11 pareggi, 8 sconfitte. Nel campionato del mondo 1938 in Francia, l'Italia affrontò e sconfisse i padroni di casa per 3-1 nei quarti di finale. Nel 1927 lItalia partecipò alla prima edizione della Coppa Internazionale antesignana del campionato europeo ottenendo, in quellanno, un pari con la Cecoslovacchia e una sconfitta con lAustria. Con lui in panchina l'Italia ha ottenuto il secondo posto a Euro 2012 e il terzo nella Confederations Cup del 2013 in Brasile, 14 - ENZO BEARZOT - Ct dal 1975 al 1986: 88 partite, 40 vittorie, 26 pareggi e 22 sconfitte. Infatti l'Italia non ebbe successo al mondiale del 1950 né a quello del 1954, addirittura non si qualificò a quello del 1958, e di conseguenza rinunciò a prendere parte al primo campionato europeo, la cui fase finale si svolse nel 1960. Di nuovo di fronte quattro anni dopo nei quarti di finale dell'Europeo di Francia 2016, sebbene la sfida si concluda sul punteggio di 1-1 dopo 120 minuti, ai tiri di rigore per la prima volta la nazionale tedesca ha la meglio sugli italiani in una fase finale di una competizione ufficiale, confermando i pronostici della vigilia e accedendo alla semifinale della manifestazione. L'attuale allenatore dell'Italia ha centrato la qualificazione a Euro 2020 che si disputeranno la prossima estate per il rinvio a causa del Coronavirus. Con lui in panchina l'Italia viene eliminata agli ottavi di finale ai Mondiali in Corea nel 2002 proprio dai padroni di casa e, successivamente, non riesce a superare la fase a gironi a Euro 2004 in Portogallo, 5 - AZEGLIO VICINI - Ct dal 1986 al 1991: 54 partite, 32 vittorie, 15 pareggi, 7 sconfitte. [39] La maglia era di colore celeste molto chiaro, denominato "Cendre Blue", con inserti tricolori sul lato destro del tronco. Nella Confederations Cup conta due partecipazioni (2009 e 2013). L'andamento però cambiò dai primi anni 1980, quando la Francia ritornò alla vittoria nel febbraio del 1982, in una gara amichevole. La Nazionale italiana Under-15 è, nella gerarchia delle Nazionali giovanili italiane, precedente alla Nazionale Under-16. [4], L'Italia fallì la qualificazione al campionato d'Europa 1992 in Svezia, sicché Vicini fu esonerato a eliminatorie in corso e sostituito da Arrigo Sacchi, il quale qualificò la nazionale per il mondiale di Stati Uniti 1994. Nella famosa competizione sportiva dell’Italia 1990, la Nazionale italiana si è classificata terza. Infine l'Italia ha ottenuto due Coppe Internazionali (torneo centro–europeo nato nel 1927, prima dell'istituzione della UEFA e da questa mai riconosciuto ufficialmente, poi superato nel 1960 dall'Europeo) nelle edizioni 1927-1930 e 1933-1935, risultando l'unica squadra ad aver vinto due volte tale competizione. La gara, giocata a Trieste (dov'è molto sentita la rivalità coi vicini sloveni), viene principalmente ricordata per i numerosi scontri fra le due tifoserie, qualche tentata invasione di campo e alcuni accenni di rissa anche fra i calciatori.[73]. L'UEFA, costretta a intervenire, squalificò Domenech e decise di multarlo. Della nazionale dei colleghi di GQ abbiamo salvato solo 4 giocatori. Albi d'oro, tabelle comparative, curiosità, video e tanto altro sulla Nazionale italiana di calcio. Il primo tempo terminò 2-0 per l'Inghilterra, ma l'Italia si era battuta alla pari e nel secondo tempo si riportò in parità sfiorando la vittoria. Con lui in panchina la Nazionale ha ottenuto un secondo posto nella finale agli Europei del 2000 in Belgio e Olanda (sconfitta con la Francia), 12 - MARCELLO LIPPI - Ct dal 2004 al 2006 e dal 2008 al 2010: 56 partite, 28 vittorie, 21 pareggi, 7 sconfitte. La partita, giocata a Dortmund, dove la nazionale tedesca aveva sino ad allora sempre vinto, termina sul 2-0 per gli azzurri, capaci di segnare due reti negli ultimi minuti dei tempi supplementari con Grosso e Del Piero e poi di vincere il titolo mondiale ai rigori nella finale contro la Francia. Per contro non ha partecipato alla prima edizione (Uruguay 1930) e non si è qualificata in quelle di Svezia 1958 e Russia 2018; inoltre non ha superato il primo turno … Nel corso del campionato del mondo 1982 in Spagna venne adottato un collo a V ornato da bordini tricolori, mentre ai Mondiali di Stati Uniti 1994 comparvero minuscoli triangolini tricolori e stemmi stampati su tutta la maglia. Copyright 2020 Sky Italia - P.IVA 04619241005.Segnalazione Abusi. [21] Ai mondiali l'Italia non ha mai perso nei tempi regolamentari o supplementari una partita di quarti di finale o semifinale. Percentuale successi pari al 50% come Lippi e Maldini, 9 - FERRUCCIO VALCAREGGI - Ct dal 1966 al 1974: 54 partite, 28 vittorie, 20 pareggi, 6 sconfitte. Mattarella: “Fiducioso per il futuro della Nazionale”, La competizione venne interrotta a causa dell'annessione dell', Quarantuno convocati per le gare con Estonia, Polonia e Bosnia: prima chiamata per Calabria e Pessina, Mancini convoca anche Bastoni, Ferrari e Zaccagni. Gli azzurri e le Furie Rosse si ritrovarono subito contro nelle qualificazioni per il successivo campionato del mondo 2018, inseriti nello stesso girone: il primo incontro, giocato a Torino, termina 1-1, mentre il secondo, a Madrid, finisce con un netto 3-0 per i padroni di casa. Ciò perdurò fino all'edizione di Seul 1988 quando fu deciso che le rappresentative olimpiche fossero, per tutti i partecipanti, le loro selezioni Under-21 (o Under-23), con al massimo tre calciatori fuoriquota. La nazionale A dell'Italia ha vinto quattro edizioni del campionato mondiale di calcio (Italia 1934, Francia 1938, Spagna 1982 e Germania 2006), la massima competizione calcistica per squadre nazionali maschili, classificandosi seconda in altre due occasioni (Messico 1970 e Stati Uniti 1994); inoltre, si è classificata terza a Italia 1990 e quarta ad Argentina 1978. Ai Mondiali di Argentina 1978 le due nazionali si affrontarono nella prima partita del proprio girone e l'Italia, pur andando in svantaggio dopo soli 44", ribaltò il risultaro imponendosi per 2-1. La nazionale italiana è stata guidata da 27 commissioni tecniche (inizialmente formate solitamente da arbitri, poi anche da allenatori) e da 16 commissari tecnici. Nel 1999 si tornava al tradizionale scudo tricolore, ristilizzato poi per motivi di marketing nel 2005, adottato dalla FIGC come nuovo logo: uno scudetto dai bordi squadrati con all'interno le tre stelle dei mondiali vinti (quattro dal settembre 2006). Esordio in Nazionale per Francesco Caputo che è diventato il 56º giocatore dell’Italia e il 25º a trovare il gol nella gestione Roberto Mancini Mancini dopo Italia-Moldavia: "Mentalità giusta. Agli ultimi Mondiali di Calcio la Nazionale italiana non è riuscita a qualificarsi, lasciando delusi tutti i tifosi. Nazionale B di Calcio La Nazionale B di calcio dell'Italia è la seconda squadra della nazionale di calcio italiana che occasionalmente funge da supporto e sviluppo per la prima squadra. Il 25 marzo 1928 sfidò lUngheria nella quarta giornata: la partita, che rappresentò il primo evento calcistico a venire raccontato per radio, finì 4-3 per gli azzurri. Percentuale di successi pari al 64%. Percentuale di successi pari al 68%. [65] Di conseguenza i primi incontri con l'Italia furono tutti amichevoli e il primo terminò con un pareggio per 1-1 a Roma nel 1933. Malgrado i Mondiali, canonici, fossero stati giocati un anno prima, nel capoluogo toscano si disputò una grande sfida fra nazioni. Nel 1983, per celebrare la vittoria nel campionato del mondo dell'anno precedente, tre stelle dorate sostituirono la scritta «ITALIA» sopra il tricolore, poi il tutto fu rimpiazzato nel 1984 da un nuovo stemma tondo incorporante le tre stelle, le scritte «ITALIA» e «FIGC», e il tricolore. Questi sono i saldi dell'Italia nei confronti delle nazionali con cui sono stati disputati almeno 10 incontri. Buon compleanno al nostro Ct Roberto # Mancini! Le vicende più importanti della nazionale di calcio italiana sono legate alla cosiddetta nazionale «A» che, almeno fino alla differenziazione delle varie categorie di selezione, era la nazionale unica, che assumeva poi varie fisionomie a seconda del torneo al quale essa partecipava. La partita finì inaspettatamente con il risultato di 2-2 e fu celebrata dalla stampa come la rinascita del calcio italiano. Italia-Moldavia 6-0, festa del gol al Franchi. Le sfide ufficiali o di maggior spessore vengono disputate negli stadi delle principali città della nazione: l'Olimpico di Roma, il Meazza di Milano, il San Paolo di Napoli, lo Stadium o l'Olimpico Grande Torino di Torino, il Barbera di Palermo, il Ferraris di Genova, il Dall'Ara di Bologna, il Franchi di Firenze, il San Nicola di Bari e il Friuli di Udine. [30] La divisa nera cadde nell'oblio dopo la caduta di Mussolini; il solo colore, limitato a un inserto sulla manica sinistra, ritornò sulle maglie azzurre all'indomani della tragedia di Superga quando tutte le rappresentative nazionali, in memoria del Grande Torino, scesero in campo per un anno intero col lutto al braccio "compreso" nella divisa: non si trattava infatti di una fascia, ma di una vera e propria diversa colorazione nella trama azzurra.[31]. [35] Infine nel 2004, per un'amichevole a Reykjavík con l'Islanda, la nazionale utilizzò un'inedita divisa blu scuro. News sulla Nazionale, la storia azzurra, tutti i giocatori, gli allenatori, l'andamento stagione per stagione, le squadre incontrate, gli arbitri e tutti gli incontri disputati dal 1910 ad oggi. Curioso inoltre notare che l'unico precedente nel quale l'Italia mancò la qualificazione ai mondiali fu in quelli del 1958, giocatisi proprio in Svezia, e la mancò anche agli europei del 1992, sempre svoltisi nel paese scandinavo. In ottobre le due nazionali si ritrovarono a Roma per l'ultima partita del gruppo con gli inglesi avanti di un punto in classifica: l'incontro terminò a reti inviolate e gli inglesi si qualificarono alla fase finale del mondiale; gli italiani arrivarono secondi, ma si qualificarono eliminando la Russia nei due incontri di spareggio. In finale trovò nuovamente la Francia, superandola ai rigori: il penalty di Fabio Grosso incoronò gli Azzurri campioni del mondo per la quarta volta. Percentuale di successi pari al 59%. La Nazionale A è risultata vincitrice in quattro edizioni del campionato mondiale: la prima volta nel 1934, la seconda volta nel 1938, la terza e la quarta volta rispettivamente nel 1982 e nel 2006. Desideriamo dedicare questo articolo allo sport italiano descrivendo in particolare le 4 vittorie dell’Italia ai Mondiali di calcio durante la sua gloriosissima storia. In campo mondiale, tra il 1974 e il 1990 si sono avuti ben cinque confronti (in altrettante edizioni del torneo): mentre l'Argentina ottenne i punti utili alla qualificazione con pareggi, l'Italia sconfisse i sudamericani nel 1978 (in casa loro) e nel 1982. Il 2 settembre 2008, in presenza del presidente della FIFA Joseph Blatter, venne presentato il FIFA Champions Badge, stemma celebrativo di campione del mondo in carica, introdotto dall'organismo mondiale, inserito al centro sulla maglia della nazionale; l'Italia è stata la prima nazionale al mondo a fregiarsi di questo riconoscimento.[38]. Dal 1991 al 1998 lo stemma adottato fu una controversa e criticata lettera i scritta in corsivo, con tanto di puntino laterale blu, contenente i soliti elementi (stelle e tricolore) più la denominazione «FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO». All'Olimpico fa festa l'Argentina, Italia, pari e infortuni Pessotto ko, mondiale in bilico, La Celeste spegne gli azzurri Italia battuta dall'Uruguay: 0-1, Confederations, Italia-Uruguay 5-4 dopo i rigori, Buffon ne para tre, azzurri terzi, Mondiali addio: Italia-Uruguay 0-1, gol decisivo di Godin, espulso Marchisio, Mondiali 2014, Suarez, 9 turni di stop, 4 mesi in Premier, cacciato dal ritiro, Tra Italia e Inghilterra un classico del calcio mondiale tra due grandi in difficoltà, England National Football Team Match No. [40] Infine, per la FIFA Confederations Cup 2013, è stata usata una divisa leggermente diversa da quella usata all'Europeo di Polonia-Ucraina 2012 e nelle qualificazioni mondiali per il 2014, con una striscia verde sulla manica destra e una rossa su quella sinistra, e un azzurro leggermente più scuro. A Euro '96 la Nazionale viene eliminata nel girone di qualificazione, 2 - VITTORIO POZZO - Ct nel 1912, dal 1921 al 1924, dal 1929 al 1948: 95 partite, 63 vittorie, 17 pareggi e 15 sconfitte. Nel novembre 1993, grazie all'ottimo girone di qualificazione disputato, l'Italia salì al primo posto della ranking FIFA (istituita ad agosto di quell'anno), posizione che mantenne per un mese. Non era raro vedere usata, in quegli anni, una tenuta da gara completamente nera quale seconda uniforme di gioco (come avvenne nei quarti di finale del Mondiale del 1938 contro la Francia). Durante il Campionato Mondiale del 1934, giocato in Italia e vinto dagli Azzurri, le due squadre si incontrarono a Firenze negli ottavi di finale. Nell'estate 2010 l'Italia passò sotto la guida di Cesare Prandelli. Legenda: Grassetto: Risultato migliore, Corsivo: Mancate partecipazioni, Lista dei 44 giocatori convocati dal CT Roberto Mancini per l'amichevole contro l'Estonia dell'11 novembre 2020 e per le sfide della fase a gironi della UEFA Nations League 2020-2021 contro la Polonia e la Bosnia ed Erzegovina del 15 e 18 novembre 2020.[82][83][84]. Nel 1976 vi fu la vittoria inglese per 3-2 a New York nel torneo del Bicentenario organizzato dalla Federazione statunitense, ma nel primo incontro ufficiale tra le due squadre organizzato dalla FIFA, disputato nel novembre 1976 e valido per il gruppo 2 di qualificazione al campionato del mondo 1978, furono gli azzurri a imporsi a Roma per 2-0. Per un breve periodo le nazionali maggiori non si affrontarono più, per poi tornare a sfidarsi nella finale del campionato del mondo 2006, vinta questa volta ai rigori dagli Azzurri e anch'essa ricca di episodi incandescenti, i cui protagonisti furono per lo più il difensore italiano Marco Materazzi e il capitano Zinédine Zidane. [48] All'episodio hanno fatto seguito ulteriori aspre polemiche sia in Francia che in Italia, con lettere ufficiali di scuse. Le due nazionali si ritrovarono di fronte a Bari per la finale terzo e quarto posto del campionato del mondo 1990 e fu di nuovo l'Italia ad avere la meglio per 2-1. Infine, la nazionale universitaria ha vinto il torneo di calcio della XIX Universiade svoltasi in Sicilia nel 1997. A partire dalla metà del decennio fecero ingresso massiccio gli sponsor tecnici, che si accreditarono come fornitori unici di tutto l'equipaggiamento della nazionale (a eccezione delle scarpe, che ogni calciatore sceglieva e tuttora sceglie a seconda della propria comodità e dei propri contratti di sponsorizzazione). [47] Nonostante i tentativi di distensione dei giocatori italiani e francesi, soprattutto del capitano azzurro Fabio Cannavaro, la sera della partita a San Siro il pubblico fischiò l'inno nazionale francese suonato prima della partita. Presenze, reti e numerazione aggiornate al 18 novembre 2020. Nella famosa competizione sportiva dell’Italia 1990, la Nazionale italiana si è classificata terza. L'Italia non ha più incontrato queste due nazionali in gare ufficiali. Italia 1934 Il primo successo è quello del 1934, proprio in territorio italiano. I numeri sorridono alla Nazionale di Roberto Mancini, che a suon di vittorie ha riacceso l’entusiasmo nei tifosi continuando a inanellare record su record. Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Albi d'oro, tabelle comparative, curiosità, video e tanto altro sulla Nazionale italiana di calcio. Ecco i numeri dopo la gara del Franchi e la classifica, L'Italia ha vinto tutte le cinque partite contro la Moldavia: solo contro Malta (8/8) ed Estonia (6/6) ha giocato più gare ottenendo il 100% di successi, L'Italia di Roberto Mancini ha segnato almeno quattro gol in quattro partite: l'ultimo allenatore a fare meglio con gli Azzurri è stato Azeglio Vicini (cinque volte), In particolare è la terza volta che l’Italia di Mancini trova sei reti, record per un allenatore della Nazionale dai tempi di Edmondo Fabbri, negli anni ’60, L'Italia ha segnato cinque gol nel primo tempo per la terza volta nella sua storia dopo il 1928 (sei contro l'Egitto) e il 1987 (cinque contro Malta), Sono 26 i marcatori dell'Italia sotto la gestione Mancini, solo tre allenatori ne contano di più nella storia della Nazionale: Pozzo (53), Prandelli (29) e Lippi (27), Sono ora sei i gol in Nazionale per Stephan El Shaarawy, che non segnava in gare giocate con l'Italia dal novembre 2012 (contro la Francia), Esordio in Nazionale per Francesco Caputo che è diventato il 56º giocatore dell’Italia e il 25º a trovare il gol nella gestione Roberto Mancini. Dopo tre amichevoli giocate con divise fornite da Ennerre, nel 1985 ha inizio il lungo sodalizio con Diadora che si concluderà nel 1994, quando arrivò Nike. Con lui in panchina la Nazionale si è laureata Campione d'Europa nel 1968 e vice Campione del Mondo in Messico nel 1970. Dopo due minuti di gioco gli azzurri rimasero in 10 per l'infortunio del centromediano Luis Monti (in quel periodo non erano previste sostituzioni) e nel giro di 10 minuti si trovarono in svantaggio di 3 reti a 0. Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sulla Nazionale Italiana di Calcio, chiamata anche con l'appellativo di Azzurri per via del colore della maglia.La nazionale di calcio dell'Italia è tra le più titolate del mondo, avendo vinto quattro campionati mondiali (Italia 1934, Francia 1938, Spagna 1982 e Germania 2006) e un campionato europeo (Italia 1968). Dei quattro gol realizzati da giocatori del Sassuolo in Nazionale, due sono arrivati contro la Moldavia (Caputo e Berardi). Show in amichevole degli Azzurri di Mancini, Mancini dopo Italia-Moldavia: "Mentalità giusta. Con la consueta competenza Mauro Grimaldi ci regala un'ampia analisi dei primi cent'anni di calcio in Italia, mettendo in stretta correlazione lo sporto al tessuto sociale e politico della nostra nazione. Percentuale di successi pari al 57% come Roberto Donadoni. La nazionale dei "maestri dei calcio", appellativo con cui erano conosciuti gli inglesi, tra il 1928 e il 1946 non prese parte a competizioni ufficiali. Antonio Candreva - Foto Nazionale Calcio CC BY 2.0 Sono stati sorteggiati i gironi della Nations League , al via la prima settimana di settembre da giovedì 3 a martedì 8. Per quanto riguarda le maglie dei portieri, le prime divise erano di colore nero; successivamente dagli anni 1950 in poi sono state pressoché stabilmente di tonalità grigia con il colletto e i polsi blu, a partire dagli anni 1980 le maglie erano di una tonalità metallica vicina all'argento, con piccole modifiche legate alle variazioni stilistiche degli sponsor tecnici (ad esempio, la maglia del 1994 aveva le maniche rosse, bianche e blu con disegni zigzag). [16][17] È infine sporadicamente attiva anche la nazionale Under-23. Maradona, capitano della sua squadra, insultò in mondovisione il pubblico che aveva fischiato l'Argentina già durante l'esecuzione dell'inno. [61], Un anno dopo, nel primo turno dei Mondiali di Brasile 2014, l'Uruguay ha sconfitto la squadra di Prandelli (cui sarebbe stato sufficiente un pareggio per qualificarsi) eliminandola. Dagli anni 1960 agli anni 1990 è stata sporadicamente attiva una nazionale di Lega, con una propria maglia e stemma, che attingeva dall'intero bacino della Serie A – indistintamente tra giocatori italiani e stranieri. [70], Nella fase finale del campionato d'Europa 1980 svoltosi in Italia, gli azzurri vinsero 1-0 e gli inglesi furono eliminati. Nel giugno 2012 gli azzurri eliminarono gli inglesi a Kiev nei quarti di finale del campionato d'Europa 2012 ai calci di rigore, dopo che i supplementari erano finiti con il risultato di 0-0. Voce principale: Nazionale di calcio dell'Italia. Il commissario tecnico dell' # Italia compie oggi 5️⃣ 6️⃣ anni, da calciatore ⚽️ ha vestito la maglia azzurra 36 volte con 4 gol all'attivo. La vittoria mondiale del 2006 aveva permesso agli Azzurri, nel frattempo tornati sotto la guida di Lippi, di partecipare all'edizione 2009 della Confederations Cup: alla sua prima partecipazione, in Sudafrica l'Italia deluse venendo eliminata al primo turno. Italia 1934 Il primo successo è quello del 1934, proprio in territorio italiano. [41][42] A ottobre 2017, la FIGC ha nuovamente cambiato il logo, che nasce dal desiderio di creare uno stemma moderno riprendendo elementi grafici del passato: così è stato per la scritta «ITALIA», inserita per la prima volta nel logo del 1952 e rispolverata in quello odierno, e del ricamo in oro, simbolo di forza e successo. [73][74] Uno dei casi più emblematici è l'amichevole del 21 agosto 2002 Italia-Slovenia (0-1), che doveva rappresentare anche una sorta di festa di commiato per Bruno Pizzul quale telecronista della nazionale. [3], Rappresentano ufficialmente l'Italia sempre sotto il coordinamento della FIGC: la nazionale femminile, la nazionale femminile Under-23, Under-19, Under-17, Under-16; la nazionale di beach soccer; la nazionale universitaria (che rappresenta l'Italia nel torneo calcistico delle Universiadi), composta da calciatori dilettanti o professionisti della Lega Pro che frequentino l'università; la nazionale militare, riservata formalmente a qualsiasi militare tesserato come calciatore della FIGC in qualsiasi categoria, ma, di fatto, almeno fino all'abolizione del servizio militare obbligatorio, composta dai giovani calciatori professionisti che stessero assolvendo l'obbligo di leva (tale selezione rappresenta l'Italia durante i Giochi mondiali militari e i Campionati mondiali militari di calcio); la Rappresentativa dei Giochi del Mediterraneo, che rappresenta l'Italia nei Giochi omonimi e può essere formata indistintamente da giocatori professionisti o dilettanti di qualsiasi categoria; infine, la nazionale di calcio a 5, la nazionale di calcio a 5 Under-21 e la Nazionale A Femminile Calcio a 5.[3].