Arrivano grandi nomi come Filippo Carobbio, Salvatore Mastronunzio, Antimo Iunco, Claudio Rivalta, Emiliano Testini, Felice Evacuo e Nicola Madonna; l'inizio di campionato è tuttavia disastroso con soli 4 punti in 5 giornate e Gustinetti viene esonerato. Con l’addio di Pallotta la Curva si farà sentire I tifosi della Roma rivogliono il vecchio stemma. Epiche sono le vittorie, sia in casa che in trasferta, con tutte le squadre rivali storiche degli aquilotti. Nel 1947-1948 il quarto posto in campionato consente allo Spezia di accedere alla Serie B a girone unico; nel 1948-1949 è invece necessario uno spareggio a Milano contro il Parma per riuscire a ottenere la salvezza. Lo Spezia disputa campionati discreti ma non da vertice sino alla stagione 1932-1933 in cui riesce a classificarsi al quarto posto alle spalle di Livorno, Brescia e Modena, delle quali solo le prime due vengono promosse. La tinta complementare, soprattutto negli anni 1990, ha talora assunto un maggior "peso" all'interno delle casacche, venendo declinata in motivi decorativi più o meno estrosi, arrivando finanche tra il 2006 e il 2008 a tradursi in un template palato[44]. I torinesi non perdevano in casa dal lontano aprile 2005 e, grazie a questo risultato, lo Spezia conserva il primato di non essere mai stato sconfitto dalla Juventus in partite ufficiali. [55] La più importante è quella col Savona, coi tifosi savonesi accolti al Picco sempre con cordialità dato il rapporto di stima che lega le due curve da lunga data. [3] Questo club, tuttavia, ha un'attività piuttosto breve, limitandosi a sfidare nella Piazza d'Armi compagini di marinai di passaggio; ben presto l'iniziativa viene ripresa: il 20 novembre 1911 nasce lo Spezia Football Club, società costituita con un regolare organigramma e diretta emanazione della antesignana. Il giorno in cui il presidente crociato Kyle Krause staccò l’adesivo della Juventus dal suo laptop per attaccare lo stemma del Parma Calcio è stato l’inizio del matrimonio tra Il campionato 2019-2020 si rivela più soddisfacente, con gli spezzini che, guidati dal tecnico Vincenzo Italiano, ottengono un eccellente terzo posto finale in classifica con 61 punti, valevole per le semifinali play-off, facendo registrare il miglior piazzamento della storia del club in un campionato ufficiale. Ritorna il beniamino dei tifosi Chiappara e vengono acquistati Bordin, Coti, Melucci, De Vincenzo e Carlet. Da ieri è online la petizione per cambiare il nuovo logo, mai andato giù a parte dei tifosi. Le probabili formazioni di Inter-Spezia: Vidal si riprende il centrocampo, con lui ecco Sensi Primi forti segni di Pirlolandia: CR7 show, nessuna sbavatura. Sotto la guida del tecnico milanese, lo Spezia riesce a raggiungere l'obbiettivo play-off qualificandosi all'ultima giornata di campionato andando a occupare l'ultimo posto disponibile nella griglia. [20] Lo Spezia ritorna così in Serie C, dove colleziona subito un terzo e un sesto posto. Con il passare del tempo il gruppo divenne via via sempre più numeroso e cambiò collocazione all'interno dello stadio, occupando inizialmente la Curva Ferrovia, successivamente (negli anni 1980) la struttura prefabbricata della Curva Piscina, e infine trovando collocazione definitiva nella nuova Curva Ferrovia realizzata in seguito alla ristrutturazione dello stadio Picco nel 1993. Lo Spezia, insomma, può fregiarsi della vittoria di un campionato a cui, tecnicamente, non ha mai partecipato, sebbene bisogna constatare che il 42º Corpo dei Vigili del Fuoco rilevò e schierò gli stessi giocatori del club ligure (oltre a calciatori provenienti da altre compagini), e quindi de facto i due sodalizi tendevano a coincidere. [60][61][62], Il primo posto nel torneo fu in realtà ottenuto dal. Anche la fase di calciomercato di gennaio è profondamente condizionata dalle problematiche economiche; la rosa viene praticamente rivoluzionata allo scopo di ridurre il tetto-ingaggi, e lasciano la squadra buona parte dei migliori giocatori. Dopo pochi mesi, tuttavia, la società ha riacquistato i diritti per l'utilizzo del classico logo dello Spezia 1906. La rosa viene in gran parte rivoluzionata, dato che molti giocatori della passata stagione erano arrivati in prestito e non venendo quindi riscattati la società si ritrova costretta a riformare una nuova squadra, puntando su giocatori con esperienza nel campionato cadetto[32][33][34], prelevando alcuni giovani dalle grandi squadre di Serie A[35][36][37][38], e confermando gli uomini chiave della stagione 2012-2013, come capitan Sansovini, i centrocampisti Bovo, Porcari e Sammarco, e l'unico "superstite" della stagione 2011-2012, il terzino Nicola Madonna[39]. La gara di andata, disputata nella città felsinea, ebbe un epilogo alquanto particolare: gli spezzini infatti, passarono in vantaggio a undici minuti dalla fine grazie a un gol in sospetto fuorigioco, ma la gara venne sospesa a causa delle furiose proteste dei pochi tifosi presenti sugli spalti. [19] Al posto dello Spezia viene inserita d'ufficio nel campionato di Serie B la seconda squadra cittadina, l'Ausonia La Spezia. Al termine della stagione lo Spezia, capolista con 63 punti, stacca il Genoa, secondo in graduatoria, di ben sette lunghezze in classifica. [56] Altri rapporti d'amicizia sono intrattenuti con la tifoseria barese e con quella salernitana. [13] Sono da ricordare le edizioni 1937 e 1941 della Coppa Italia, in cui lo Spezia riesce ad arrivare sino ai quarti di finale dove viene eliminato rispettivamente da Ambrosiana e Lazio. Amministratore delegato è Aldo Iacopetti, già coordinatore dell'area tecnica del settore giovanile della Sampdoria, e il nuovo tecnico è l'ex blucerchiato Marco Rossi, già allenatore in Serie C1 con Lumezzane e Pro Patria. La Serie D ospita gli aquilotti per ben quattro campionati; nel 1963-1964 la promozione sembra a portata di mano, ma a due giornate dal termine la bruciante sconfitta per 4-0 sul terreno della diretta concorrente Massese è fatale allo Spezia, che chiude al terzo posto. Il tradizionale terreno di allenamento degli aquilotti è il centro sportivo Bruno Ferdeghini, situato alla Spezia nel quartiere di Melara, il quale sotto la gestione Volpi ha subito una radicale ristrutturazione, completata nel maggio 2013 con la realizzazione di un centro interamente dedicato al settore giovanile, con un campo a 11 in sintetico e due campi a 7, una palestra e due edifici con le sedi della società e del settore giovanile. Nella partita d'andata contro il Chievo, perde per 2-0 al Bentegodi ma nella partita di ritorno al Picco, con un'inaspettata rimonta, vince per 3-1 qualificandosi per la finale in merito al miglior piazzamento finale in classifica ottenuto nel campionato regolare dove affronta il Frosinone. Grazie a tale cifra, in proporzione al numero di abitanti della provincia spezzina, il pubblico bianconero è risultato il quinto in classifica su scala nazionale per numero di tessere stagionali; la nuova campagna abbonamenti per la stagione 2007-08 si è conclusa con l'analogo numero di 5315 tessere vendute (molto di più rispetto a diverse squadre di Serie B), confermando l'attaccamento dei tifosi alla squadra cittadina. Per la stagione seguente si decide di rinnovare la società, nuovi consiglieri, e nuovi dirigenti, come il DS Giancarlo Romairone che arriva dalla Pro Vercelli, e il nuovo segretario generale Stefano Pedrelli[31]. Perché il 10 ottobre 1906 lo svizzero Hermann Hurny, insieme a suoi connazionali, fondò la sezione calcistica dello Sport Club Spezia. [24] Sulla panchina aquilotta si alternano diversi allenatori ma l'unica concreta soddisfazione che arriva in queste stagioni è la conquista, nel 2005, della Coppa Italia Serie C vinta in finale contro il Frosinone. La società, sia per protesta sia a causa dei problemi del momento, prende così parte al campionato di Prima divisione ligure nel girone A. Tuttavia, con la vittoria del campionato di Serie C1 2005-2006 lo Spezia ottiene la storica promozione in Serie B, categoria dalla quale era assente da ben cinquantacinque anni, ovvero dal lontano 1951. 4 sizes available. Nella gara di andata allo stadio Picco, dopo essere passati in svantaggio, gli aquilotti si impongono per 2-1 grazie ai goal di Saverino e Do Prado. Questo escamotage, non insolito per il periodo (per abbinamento, anche la Juventus si era trasformata in Cisitalia e il Torino in Torino FIAT), costituì uno stratagemma per sottrarre i calciatori agli obblighi del servizio militare. Inspired designs on t-shirts, posters, stickers, home decor, and more by independent artists and designers from around the world. e Venezia per 1-1 che sembrava spianare la strada al Torino per la riconquista del titolo. Comunicato ufficiale n. 20 del gennaio 1944 riportante non un cambio di denominazione bensì una «nuova società affiliata», cfr. Dopo il buon campionato del 1994-1995, nella stagione 1995-1996 lo Spezia, reduce da un fallimento societario che portò alla creazione dello Spezia Calcio 1906 che riuscì a evitare la radiazione, è di nuovo costretto ai play-out per ottenere la salvezza, questa volta vinti a spese della Pro Sesto. 6-nov-2020 - Esplora la bacheca "stemmi di squadre di calcio" di Fausto Ghiglia su Pinterest. Nell'estate del 2005 è stato ideato un nuovo logo circolare bordato in oro per celebrare il centenario della fondazione della società, che ha accompagnato la squadra nello storico ritorno nel campionato di Serie B. Nell'estate del 2008, in seguito al fallimento societario e alla creazione della nuova A.S.D. Perché, allora, è presente la data 1906 sullo stemma spezzino? Nella stagione 1956-1957 lo Spezia ottiene un terzo posto in classifica che consente l'accesso alla "IV Serie I Serie", un campionato di Eccellenza Interregionale costituito su tre gironi, istituito in via eccezionale allo scopo di agevolare l'allargamento della Serie C da uno a tre gironi. Buona prestazione degli Aquilotti anche se sconfitti a San Siro. Nell'estate del 2005 è stato ideato un nuovo logo circolare bordato in oro per celebrare il centenario della fondazione della società, che ha accompagnato la squadra nello storico ritorno nel campionato di Serie B. Nell'estate del 2008, in seguito al fallimento societario e alla creazione della nuova A.S.D. White or transparent. Da allora il rapporto non ha fatto che peggiorare tanto che l'Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive considera la gara «ad altissimo rischio». Nel 1955 si ritorna alla denominazione F.B.C. uffici cambieranno orario di apertura [20] Tale emblema è stato creato da un tifoso che ha vinto un concorso popolare, indetto dal Comune della Spezia e supportato da una locale testata giornalistica on-line. La divisa esterna tipicamente inverte i colori casalinghi: su di essa domina pertanto il nero, relegando il bianco alle finiture, mentre per la terza maglia (laddove prevista dai contratti di sponsorizzazione) il colore più ricorrente è il rosso, seguito da blu e verde (queste ultime due tinte sono mutuate dallo stemma civico)[44]. Sulla divisa della Astrea calcio vi sono i colori bianco e azzurro che appaiono allo stesso modo nello stemma della squadra. 1911-1919 - La squadra partecipa solo a tornei amichevoli. La FIGC fascista, tuttavia, rinnegò la manifestazione con i succitati comunicati del 17 luglio e dell'8 agosto. Il 20 agosto arriva la decisione ufficiale: lo Spezia è ammesso al campionato di Serie D, Girone A. Concludendo la stagione al secondo posto (con 78 punti) alle spalle della Biellese, accede ai play-off e si ferma sulla soglia delle semifinali, sconfitto dal Vico Equense per 2-0 il 14 giugno. Lo Spezia Calcio vanta, in proporzione alle dimensioni del proprio bacino di utenza, un seguito di tifosi molto numeroso; la popolazione cittadina ha infatti da sempre dimostrato un buon interesse nei confronti della locale squadra di calcio. [29] Il 23 maggio lo Spezia del nuovo presidente Tacoli non riconferma l'allenatore Gigi Cagni, il direttore sportivo Vitale e nemmeno il direttore generale Renato Cipollini[30]. 42º Corpo dei Vigili del Fuoco, cioè una società de iure differente dallo Spezia. per il ritardo nella presentazione di documenti contabili. Di seguito la lista completa degli allenatori[48] e dei presidenti[49] dello Spezia Calcio: In 94 stagioni sportive disputate a livello nazionale dall'esordio nella Lega Nord il 2 ottobre 1921, compresi 4 tornei di Prima Divisione (A), 5 tornei fra Seconda Divisione e Nord Italia (B). Anche nella successiva stagione 1998-1999, accompagnata da problemi di ordine pubblico in occasione di alcune partite, lo Spezia si piazza nuovamente al quinto posto, ma questa volta ai play-off è beffato in semifinale nei minuti di recupero dall'AlbinoLeffe. Dopo un paio di campionati conclusi a metà classifica, nella stagione 1992-1993 la retrocessione è evitata grazie al fatto che Siena e Carpi hanno fatto minor punti, occupando le ultime due posizioni in classifica, e alla radiazione dell'Arezzo. La città ha subito gravi danni e anche la società aquilotta attraversa un serio momento di crisi. 1944-1945 - Campionato sospeso per motivi bellici. Lo Spezia di quest'anno è la squadra delle "cinque C": Coltella, Carapellese, Costanzo, Castigliano e Costa. Spezia 1906 e anche i colori tornano a essere quelli tradizionali. Nel 1940-1941 lo Spezia ottiene in Serie B una salvezza, mentre nella stagione successiva, quella del 1941-1942, la squadra si piazza al sesto posto in classifica. See more ideas about Sport team logos, Team logo, Juventus logo. Per la stagione 2005-06 la squadra ha adottato il nuovo stemma sociale con decorazioni dorate, ed anche le maglie da gioco hanno riportato la numerazione con cifre color oro. Viene velocemente costituita la società "Lo Spezia Siamo Noi srl", che raccoglie contributi economici da tifosi, sportivi e sponsorizzazioni da alcune realtà economiche della Provincia. 1943 - L'A.C. Nella fase costitutiva l'associazione è presieduta dal Sindaco della città Massimo Federici e vede come soci-fondatori quattro consiglieri comunali di differente collocazione politica. Fra i principali gruppi di tifosi dello Spezia Calcio che frequentano oggi la curva troviamo oltre agli storici Ultras Spezia 1974, gli Irriducibili Favaro, il Fronte del Porto e il Gruppo Bullone che attualmente si identificano tutti nel Direttivo Curva Ferrovia. Lo Spezia rientra nel Campionato battendo la Sestrese per 3 a 2. Il sogno dei bianchi però si interrompe subito, data la sconfitta per 1 a 0 subita sul campo del Modena. Tuttavia alla fine sono i toscani a spuntarla per tre punti di differenza (non mancano le polemiche a distanza per l'esito della partita decisiva Treviso-Livorno) e lo Spezia, sfiancato dal lungo duello a distanza con gli amaranto, è clamorosamente eliminato ai play-off dalla più brillante Triestina. Il risultato quindi fu di 0-2 a tavolino a loro favore e il Bologna decise di disertare la gara di ritorno in segno di protesta: il 42º Corpo dei Vigili del Fuoco si guadagnò così il diritto di giocare le finali. Forse il motivo è da ricercarsi nell'aquila che compare nello stemma comunale o forse, più verosimilmente, fu coniato da un cronista locale che lo utilizzò per la prima volta nel 1913, probabilmente colpito dal gioco assai grintoso e rapace espresso dai calciatori in campo. Nel 1979-1980 lo Spezia è terzo dietro a Prato e Rondinella, ma riesce a tornare nuovamente nella Serie C1 grazie alla penalizzazione inflitta alla Rondinella per illecito sportivo. In virtù dei campionati disputati in Serie B negli anni precedenti e, soprattutto, del campionato di Divisione Nazionale appena conquistato dai VV.FF., lo Spezia chiede l'ammissione alla nuova Serie A. 1926, Fiorentina, (Florencia, Toscana), Italia, Stadio: Artemio Franchi #Fiorentina #Toscana (L402) ... Spezia Calcio - La Spezia-ITA. Disputa i suoi incontri casalinghi allo stadio Alberto Picco. L'annata successiva, quella del 2001-02, è una delle più belle ed emozionanti nella storia dello Spezia anche se non si conclude con quella che sarebbe stata una meritata promozione in Serie B. Gli aquilotti infatti rinforzano ulteriormente la rosa con giocatori del calibro di Pisano, Buso e Caverzan e disputano un campionato di vertice che si risolve in un testa a testa con il Livorno. Uno dei (pochi) difetti di Pro Evolution Soccer anche in questo 2018 sono la mancanza di alcune licenze. La terza divisione è divisa in 20 tornei di Serie C, 19 tornei di Serie C1 e 2 di Lega Pro Prima Divisione. Nel campionato 1942-1943 arriva sulla panchina dello Spezia Ottavio Barbieri, in passato vincitore dello scudetto con la maglia del Genoa e giocatore della Nazionale. By continuing to use this website, you agree to their use. [21] La squadra viene allestita alla meno peggio e il campionato 1961-1962 si conclude inevitabilmente con la retrocessione in Serie D. Con un pizzico di fortuna in più la salvezza sarebbe stata raggiungibile: l'ultima partita di campionato a Rimini viene sospesa per 30 minuti a causa dell'arrivo nello stadio, in anticipo sulla tabella di marcia, del Giro d'Italia, proprio quando lo Spezia stava per giungere al pareggio e raccogliere il punto indispensabile per raggiungere in classifica il Grosseto.[20]. Nei mesi di giugno e luglio, dopo varie trattative, l'associazione popolare "Lo Spezia Siamo Noi", nonostante la mediazione del Sindaco e del socio di minoranza Massimo Moratti, non trova nessun nuovo investitore in grado di rilevare la squadra e coprire gli ingenti debiti ereditati dalla precedente gestione e garantire l'iscrizione al campionato di Lega Pro Prima Divisione, pertanto il club si avvia alla liquidazione. biggest football archive of the world. In Covent Garden Vernazza cream conquers everyone. Nella stagione 1977-1978 gli aquilotti, guidati da Scoglio mentre Sonetti partecipa a un corso tecnico a Coverciano, ottengono un sesto posto che consente di accedere alla cosiddetta Serie C1. Il 20 giugno lo Spezia annuncia il nuovo allenatore, Giovanni Stroppa[40], la cui avventura sulla panchina spezzina termina però nel dicembre successivo[41] subentrandogli Devis Mangia[42]. Scontri tra ultras nel prepartita, Il commissario Manzo ferito negli scontri con i tifosi spezzini, Dal gemellaggio alla rivalità, la lunga storia di Spezia-Livorno, Le Aquile volano in... B - 1906-2006 Un secolo di calcio a Spezia, Scudetto a Spezia - Partite e protagonisti del Campionato di Guerra 1943-44, Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive, La costituzione ufficiale della Confederazione Calcistica Italiana, Nonostante la ripulsa della F.I.G.C. [5][6], Lo scisma fu presto sanato dopo una sola stagione e sulla base del compromesso Colombo vennero organizzati degli spareggi salvezza per decidere le squadre partecipanti alla nuova Prima Divisione a trentasei squadre. Gli highlights del match su Spezia Channel. Tale situazione si palesa nel gennaio del 2008, allorquando il presidente Ruggieri cede provvisoriamente la presidenza nelle mani della sua collaboratrice Cristina Cappelluti, incaricata di traghettare la squadra verso nuovi acquirenti. Anche l'anno successivo gli spezzini si salvano allo spareggio: avendo terminato il proprio girone al penultimo posto, sono costretti ad affrontare un girone salvezza/promozione composto da quattro squadre, cioè le penultime dei due gironi di Prima Divisione e due squadre di Seconda Divisione, con in palio due posti per la massima serie dell'anno successivo; lo Spezia riesce a chiudere tra i primi due posti, riuscendo quindi a salvarsi. Gli anni 1950 costituiscono per lo Spezia uno dei periodi peggiori che la squadra abbia mai conosciuto sin dai giorni della sua fondazione. Per offrire un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, Spezia Calcio utilizza cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il traffico web. Spezia. A giocare le residue possibilità di accesso ai play-off viene richiamato Fulvio D'Adderio che guida la squadra al sesto posto. Nell'agosto 2008 la nuova società era stata ammessa in Serie D, venendo poi ripescata in Lega Pro Seconda Divisione nel luglio 2009. Lo Spezia disputa le gare interne nello stadio Alberto Picco alla Spezia. Nuovi orari di apertura Uisp La Spezia e Valdimagra Recependo le indicazioni degli ultimi D.P.C.M. L'organizzazione di un campionato da parte di questi soggetti, perciò, divenne essa stessa non legale.[18]. Nell'annata successiva, l'allenatore è Pasquale Marino, il quale riesce a portare lo Spezia al sesto posto finale; ai play-off, gli aquilotti vengono sconfitti in casa al primo turno per 2-1 dal Cittadella. Results, Tables, Fixtures, Statistics & Club Profiles. Dopo vari anni l'imprenditore Zanoli è lasciato solo dai suoi soci e solamente l'ingresso dell'Inter di Massimo Moratti (rappresentato da Ernesto Paolillo) nella società salva le casse societarie da una possibile bancarotta. Lo Spezia ha il tricolore, anche se non è lo scudetto. All'inizio degli anni 1940 arrivano in maglia bianca Costanzo e Costa, due giocatori destinati a rimanere nella storia della società. Al suo posto arriva Michele Serena che ricostruisce progressivamente un gruppo privo di identità, colpito oltretutto dall'arresto di Filippo Carobbio nell'ambito dell'inchiesta "Last Bet" avvenuto il 19 dicembre a Lerici. [15] Lo Spezia Calcio, nel frattempo, rimase inattivo.[16][17]. Il rimanente 20% delle quote resta di proprietà dell'imprenditore parmigiano Andrea Ermelli, e il 10% dell'Internazionale. mantiene le sue controproposte, Ufficiale: Pino Vitale sarà il nuovo DS, Gianluca Atzori il nuovo tecnico, Ufficiale: non saranno rinnovati i rapporti con il DS Vitale e con mister Cagni, Spezia, le maglie che hanno fatto la storia, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Spezia_Calcio&oldid=117396566, Template Webarchive - collegamenti all'Internet Archive, Voci con modulo citazione e parametro pagina, Voci con template Collegamenti esterni e qualificatori sconosciuti, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, 1906 - Fondazione della sezione calcio dello.